Photoshop o Gimp?

Gimp o photoshop?

di Paolo De Trane

Che domanda!quali tra i due programmi di elaborazione digitale utilizzare?Se girate un po’ sul web, si trovano opinioni fortemente contrastanti, c’è chi pensa che photoshop sia insostituibile, e chi viceversa, pensa che lo sia The Gimp; ma questo è solo questione di gusto in fondo, proviamo ad analizzare la diatriba cercando di restare imparziali.

Premettiamo il fatto che io uso entrambi i software, infatti ho un Eee pc, con Ubuntu, e un Pc fisso con Ubuntu e Win con dual boot.Ho utilizzato photoshop per anni, e ho scoperto Gimp da qualche tempo, e l’utilizzo che faccio dei due varia in base a quello che devo fare su un immagine o su un progetto.

Forse molti non sanno che Gimp si differenzia da photoshop per alcune mancanze che ancora ha, e che sicuramente verranno colmate con le prossime versioni, quello che manca a Gimp per un uso professionale è, la gestione dei Tiff a 16 bit, e la gestione dei profili di stampa CYMK, due aspetti importanti per chi con le immagini ci lavora, ma per il resto Gimp ha tutto quello che ha photoshop, c’è da dire anche che sicuramente per chi, come me, era abituato all’interfaccia grafica e agli short-cut di photoshop, passare a Gimp non è del tutto indolore; le due interfacce grafiche sono simili ma diverse, e alcune operazioni molto utilizzate, come ad esempio creare un livello da una selezione, si eseguono con modalità completamente diverse.Quello che posso dire a favore di Gimp, è la qualità generale del software che, una volta “metabolizzato” , rende il flusso di lavoro scorrevole, la sua interfaccia, sicuramente diversa da photoshop, è pratica se si impara a conoscerla.I due punti di forza maggiori di Gimp, sono sicuramente il fatto che sia completamente gratuito, e il fatto che essendo appunto open source, è un prodotto destinato a crescere e migliorare, e non si troverà mai davanti ai problemi commerciali ,che invece possono avere tutti i prodotti closed.Al livello di plugins, Gimp attinge da una community veramente enorme, si trova di tutto, on line e tutto graruito; e le mancanze riguardanti la gestione del profilo colore per la carta patinata (CYMK) non è poi così necessario ,visto che normalmente chi lavora nel settore della stampa usa altri programmi per la gestione dell’impaginazione, che permettono di implementare quel particolare profilo, piuttosto che un altro.Il neo del Tiff 16 bit rimane, anche se non tutti i giorni elaboriamo Tiff a 16 bit.

A favore di photoshop si possono dire mille cose, è un programma enorme, che permette di fare qualsiasi cosa, dall’elaborazione di un immagine digitale, alla grafica piu estrema, e la qualità del prodotto non è neanche da mettere in discussione, photoshop rimane il re dei software grafici in commercio oggi.Il fatto di avere tutti i comandi che ha, a volte diventa un problema, infatti non è difficile perdersi nelle migliaia di funzioni a nostra disposizione; sicuramente, la possibilità di gestire qualsiasi tipo di file grafico e qualsiasi tipo di profilo colore, è un grosso punto a favore, rispetto a Gimp.L’unico formato che non supporta è proprio il formato nativo di Gimp, mentre viceversa su Gimp si può aprire ed elaborare i file in psd (formato nativo di photoshop).La ram minima richiesta da photoshop è 512 MB, quella di Gimp è 128 Mb, lo spazio occupato su disco da photoshop è di circa 600 Mb, Gimp circa 30 Mb.

I limiti che Gimp ha sulla parte di grafica pura, sono sicuramente un punto di forza per photoshop, che invece limiti dal quel punto di vista, non ne ha, permette infatti di dare libero sfogo alla creatività e alla fantasia.Insomma come vedete è una bella sfida che si può riassumere in qualche riga.

La resa dei conti

Quello che posso dire in conclusione è che se siete dei professionisti dell’immagine, probabilmente photoshop rimane ancora uno strumento quasi indispensabile, sopratutto se siete dei grafici, photoshop per adesso è un programma che permette di dare spazio alla creatività, Gimp un po’ meno.

Ma se sei un fotografo non professionista o se non sei un grafico puro, e usi photoshop per migliorare velocemente le tue immagini, o anche per lavorare, senza la necessità di gestire Tff a 16 bit, ti faccio una rivelazione, puoi passare tranquillamente a Gimp!Gimp permette di elaborare le immagini in modo veloce, e ad un livello paritario a photoshop , è piu leggero, richiede pochissima RAM, è gratuito ed espandibile con tutti i plugins che volete.Io da quando uso anche Gimp sul mio Eee pc ho riscoperto l’ebrezza di poter elaborare i miei raw, senza che il povero Eee pc inizi a fare fumo!

La conclusione finale è che entrambi i software sono validi, dipende molto dall’utilizzo che ne vogliamo fare.

Paolo De Trane


Commenti

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Paolo De Trane, Paolo De Trane. Paolo De Trane said: New Blog Post: Photoshop o Gimp? http://www.paolodetrane.it/?p=263 […]

I commenti sono chiusi.