Etica e fotografia

Questa fotografia è la foto che ha vinto il premio International News Image al recente Swedish Picture of the Year Awards. Dietro questo scatto c’è secondo me una questione etico morale importante e complicata; cosa fareste vuoi al posto di uno dei fotografi che hanno scattato immagini simili a questa? La foto ritrae la quindicenne Fabienne Cherisma, mosta il 19 Gennaio 2010, uccisa dalla polizia haitiana, mentre scappava dopo aver commesso un piccolo furto, siamo a soli 15 giorni dal terremoto che ha distrutto Haiti, e la foto che state per vedere adesso vi dà un idea più completa della questione che vorrei sollevare….

Esatto, dopo aver visto come è stata scattata questa fotografia, forse, la vostra opinione è cambiata?Il punto è davvero controverso; da un lato c’è l’informazione, la narrazione dei fatti, che un fotoreporter è chiamato a riprendere, quindi potremmo vederlo come un aspetto molto spiacevole e delicato del suo lavoro, ma che và fatto affinchè il mondo sappia quello che succede in questi casi di disagio socio economico estremi, e fotografi come Paul Hansen, che ha scattato questa foto, sono sicuramente da riconoscere come professionisti indispensabili.

Dall’atro lato ditemi se questo gruppo di fotografi non sembra uno stormo di avvoltoi, che si cibano della morte di questa creatura di Dio, morta da sola sulle strade di un diasastro, magari solo perchè cercava l’ utopia della sopravvivenza in un furto disperato. Quella stessa creatura, probabilmente, se fosse passata 10 volte davanti a questo gruppo di fotoreporter, correndo o giocando, non sarebbe stata degnata neanche di uno sguardo da parte loro.  E’ vero questo è quello che un fotoreporter è chiamato a fare, ma voi cosa avreste fatto davanti ad una morte così disperata? Avreste pensato a premere quel pulsante?O vi sareste fermati in cordoglio?Sareste riusciti ad avere la freddezza necessaria per scattare? Su questo voglio farvi riflettere, la priorità degli avvenimenti che ci capitano davanti, e sulla questione etica di un certo tipo di “fotografia” che è e rimane pur sempre necessaria per conoscere quello che accade.