E chi sono io Babbo Natale?

Ciao a tutti, finalmente ritrovo un attimo per fare due chiacchere con voi, vorrei parlarvi della mia esperienza, di quello che stò imparando, e di questo momento un po’ complicato che stiamo tutti attraversando.

Quando ho deciso di far diventare la mia passione per la fotografia il mio lavoro, sono partito con l’idea di offrire tutti i servizi possibili, tutti i tipi di servizi esistenti, pensando che avrei potuto fare meglio di altri, pensando di poter gestire tutti i clienti da solo, pensando di poter fare concorrenza ad agenzie fotografiche in Italia e all’estero, risultato: IL DESERTO.

Vedete ho capito che ci sono tre cose importanti per far sì che il lavoro del fotografo possa iniziare a darti da mangiare:

Investire su se stessi

Scegliere la propria identità

Farsi conoscere

Questi sono gli ingredienti utili a far si che la tua passione possa essere un lavoro. Fermo restando che anche investendo su questi 3 punti fondamentali non è detto che tutto vada come vorresti.

Una cosa che ho trovato essere molto importante è l’elasticità, si essere elastici verso il mercato, rimanere “fossilizzati” su quello che oggi riteniamo giusto e inamovibile, può essere un arma a doppio taglio molto pericolosa, è importante invece ascoltare il mercato, ascoltare i clienti, i loro feedback, ed essere disponibili a cambiare il nostro modo di lavorare, che pensavamo essere perfetto quando ancora la fotografia era solo la nosta passione, ma non doveva farci mangiare tutti i giorni.

Ritengo fondamentali frequentare corsi, eventi di settore, incontri. I pochi soldi che hai a disposizione investili in questo, su te stesso, sulla tua formazione, sul tuo miglioramento, e sulla conoscenza di colleghi, di agenzie, di appassionati, dal quale imparare, con i quali condividere le esperienze, ai quali chiedere pareri e consigli; non rimanere bloccato sulla tua posizione se non sei estremamente sicuro che sia l’unica possibile.

Frequenta siti web, forum, gruppi facebook, twitter, e parla, parla al mondo della fotografia, dì la tua, esprimi le tue opinioni, dai i tuoi consigli, metti a disposizione la tua esperienza, fai sapere al mondo che esisti che che sai quello che dici, non preoccuparti se all’inizio sarai criticato, non preoccuparti se troverai persone che non sono daccordo con te, la fotografia è un mondo dove non è possibile “avere ragione” ci sarà sempre un modo diverso di eseguire uno scatto, o un opinione diversa dalla tua,  la fotografia è un arte non è una scienza, ci sono  regole, che vengono regolarmente infrante da quelli che creano un nuovo stile, da quelli che dicono la loro, da quelli che esplorano, quindi tendi le orecchie e ascolta, apri gli ochhi e guarda, apri la mente e assimila, è così che crescerai.

Ad oggi dopo aver capito che non sì può offrire un servizio globale, ad oggi dopo aver deciso quello che voglio essere, continua a non essere facile sopravvivere di fotografia, continua ad essere importantissimo per me fare tutto quello di cui vi ho parlato fino ad ora. Non scoraggiarti, non lasciarti confondere le idee, mantieni la mente organizzata, e punta dritto all’obiettivo; si esattamente è quella la chiave l’obiettivo, qual’è il tuo obiettivo? Se ancora non hai deciso quale sarà il tuo obiettivo allora ti invito a sceglierne uno e a lavorare per raggiungerlo. Lavorare senza sapere dove si vuole andare è faticoso, dispendioso e frustrante.

Sicuramente questa non è una guida ” come guadagnare oggi” ma spero possano essere alcuni consigli utili a migliorare la tua situazione attuale.

Paolo De Trane