Bill Cunningham il fotografo di moda

Fotografo di moda, fashion photographer, così si dice oggi, ma chi è il fashion photographer? Oggi in preda al delirio da influenza, ho avuto l’occasione di rivedere il documentario, a mio parere straordinario, su Bill Cunningham, un Nome che tutti gli appassionati di fotografia e di moda dovrebbero conoscere, un nome che mi sono ripromesso non dimenticare mai. Bill ha più di 80 anni ormai e da mezzo secolo gira New York con la sua bicicletta e una Nikon a pellicola al collo, sulla sua rubrica sul Time “On the stereet”  potete vedere la moda delle strade di NY secondo Bill,il primo pensiero che ti sfiora la mente quando lo vedi è: “deve essere uno di questi che fanno foto di strada” ma quello che Bill fa per le strade di NY  è qualcosa di straordinario, è qualcosa che non ha prezzo, è qualcosa che ogni fashion designer che si rispetti dovrebbe desiderare vedere almeno una volta nella vita. Bill con la sua Nikon scatta fotografie di vestiti, scatta la moda come nessuno fa più, lui gira per le strade e aspetta che il vestito giusto, il paio di scarpe giusto, il cappello giusto gli si presenti davanti e allora, solo allora scatta. Quando và ad una sfilata lo puoi vedere, al contrario di tutti i fotografi che per avere un’immagine “pulita” stanno alla fine della passerella, di fianco in prima fila, con un punto di vista diverso e a differenza degli altri non alza la macchina per scattare ogni cosa che passa su quella passerella, lui la alza per fotografare solo quello che crede interessante, diverso, nuovo. Nel suo archivio al Carnegie Hall, infatti ha 50 anni di storia della moda newyorkese  e sa riconoscere un capo copiato da qualcosa che ha sfilato vent’anni prima, e quando lo riconosce la sua Nikon rimane rigorosamente tra le sue mani, rivolta verso in basso, come a dire meglio non guardare. Bill, un uomo semplice con la sua giacca blu da spazzino, una camicia e una cravatta, un sorriso sempre pronto, un’umiltà che pochi uomini sanno avere, una vita modesta, ha sempre rifiutato di ricevere soldi che non gli servissero, lui dice “se non prendi i soldi non possono dirti cosa fare” un fotografo con un etica, un uomo che ha un grandissimo potere che decide di non usare mai, insomma vederlo lavorare ascoltarlo mi ha fatto pensare che il “Fotografo” come lo conosciamo oggi non è quello che è sempre stato, e forse potrò risultare noioso, ma non ci tengo ad essere quello che tutti credono che dovrei essere, rivedere Bill Cunningham  lavorare mi ha ricordato cosa mi affascina di questa meravigliosa arte, un arte che puoi chiamare lavoro, ma che per me rimane sempre la cosa che più amo fare nella vita.